fbpx
13 Luglio 2021

Stilnovo 2021/2022

14 Luglio 2021

Facciamo un passo indietro, nel 1946. Stilnovo nasce in un contesto storico critico, nell’immediato dopoguerra, con l’Italia alle prese con la ricostruzione. Pur nelle mille difficoltà, il Paese avverte la necessità di ricominciare, di recuperare spazio nel panorama europeo. Saranno proprio figure imprenditoriali come Bruno Gatta, fondatore di Stilnovo, a trainare la ripresa economica e a lasciare un’impronta indelebile nel panorama del design industriale italiano.

Oggi come allora, dobbiamo ripartire. Non dalle macerie di una guerra, ma da una pandemia che ha devastato il mondo intero, causato innumerevoli perdite e messo in ginocchio le economie di molti Paesi, non ultimo il nostro. Oggi come allora, dobbiamo rialzarci. Dobbiamo ritrovare la stessa forza d’animo, lo stesso spirito industriale e visionario che ha reso il made in Italy un marchio di eccellenza universalmente riconosciuto in tutto il mondo. Non è facile, certo, ma possiamo farcela. Anzi, dobbiamo farcela: ce lo impone il nostro passato, ricco di “racconti d’impresa” come Stilnovo. Ce lo chiede chi, nelle difficoltà, ha trovato la forza per proseguire, sperimentare, innovare e renderci ciò che siamo oggi: come Bruno Gatta, il primo a credere in Stilnovo e a guidarla in quasi mezzo secolo di storia recente. Oggi, Stilnovo riparte ufficialmente con un catalogo, il 2021/22, ricco di significati che vanno oltre il rilancio commerciale del brand e dei prodotti. Stilnovo è tornata, e con essa lo spirito imprenditoriale di chi l’ha resa grande.

Inizia quindi una nuova storia. Un racconto affascinante, che riprende articoli evergreen che – ammettiamolo – tanti di noi hanno già “incontrato”. Chi già li conosce rimarrà stupito dalla precisione nel riprodurre fedelmente i concept storici originali, attualizzandoli nei materiali, nella tecnologia LED, nelle lavorazioni e nelle normative. E chi, invece, non conosce Stilnovo? Anche senza ricordare dove, né quando, pensandoci bene forme come quelle di Megafono, di Galassia e di Sputnik sono sicuramente familiari. Non può che essere così: i prodotti Stilnovo si sono sempre distinti per originalità e, nel corso dei vari periodi storici, sono stati imitati, rivisti, hanno ispirato svariati marchi e riadattamenti. Ma gli originali, oggi rieditati e straordinariamente contemporanei nonostante la carta d’identità, rimangono Made in Stilnovo.

Stilnovo è passato che incontra il presente, per proiettarsi al futuro. Sono le idee visionarie di autentici geni, come i fratelli Achille e Pier Giacomo Castiglioni, che progettarono uno straordinario prototipo, Saliscendi, per la Camera di Commercio di Milano nel 1957. Non una semplice lampada, bensì un sistema di carrucole che regola movimenti fluidi e studiati dei principali componenti; un progetto straordinario, all’avanguardia allora come oggi, rimasto celato ai più per decenni e oggi, finalmente, rieditato, industrializzato e pronto ad affacciarsi ufficialmente sul mercato. Sempre rimanendo “in famiglia”, Livio Castiglioni – fratello di Achille e Pier Giacomo – e il figlio Pietro Maria detto “Piero” hanno realizzato prodotti sofisticati ed estremamente ricercati dal punto di vista illuminotecnico, affiancando la loro competenza nel campo della luce alla straordinaria intuizione di Gae Aulenti: nascevano così Trepiù (1972) e Minibox (1981).

Rimanendo nel periodo storico – ricco di idee ed innovazione – che vide l’uomo sbarcare sulla Luna, la nascita dei primi computer e – più in generale – il progresso tecnologico fare passi da gigante, troviamo Gravita (1969), gioiello tecnologico partorito dalla mente rivoluzionaria di Antonio Macchi Cassia, troppo complesso per il tempo e finalmente – oltre cinquant’anni dopo – pronto a stupire gli appassionati di luce, arredamento e design di tutto il mondo; Campana (1969), una sorprendente corolla luminosa protagonista degli spazi; la produzione,  effervescente e avanguardista, di Joe ColomboTriedro, Topo e Minitopo (1970) – ispirata alla meccanica delle auto, una delle grandi passioni del designer milanese; e, agli antipodi, la filosofia “less is more” dello studio DDL con Lampiatta (1971) e Fante (1978).

Nel 1977 usciva nei cinema il primo Star Wars; nello stesso anno, dalla sconfinata e anticonformista creatività di Sottsass nasce un’icona del design: Valigia.

Oggi, Stilnovo incontra la moderna espressione di un design che ha conosciuto l’esplosione della tendenza minimal, tutt’ora molto in voga; il brand si arricchisce di prodotti contemporanei, delicati come Diphy (2016, Menzione d’Onore al Compasso d’Oro ADI) e Demì (2019); un mix di stile e tecnologia, una scelta progettuale d’avanguardia chiamata OptiLight Technology™: approccio invariato Made in Stilnovo, tempi diversi.

Reflexio (2018) diffonde luce senza il minimo abbagliamento, evolvendo la ricerca illuminotecnica applicata al design in un parallelismo con Trepiù che viene spontaneo. La Mariée (2018) colora e modella il vetro soffiato, più minuto di Gravita ma egualmente evocativo. Oxygen (2016), con le sue forme archetipe, evolve il classico paralume ad anello con nuove sfaccettature tecnologiche, il tutto “condito” dall’uso di colori vibranti come l’azzurro e il giallo pastello.

Tanto è stato scritto finora, e tanto ancora si potrebbe scrivere. Ma è meglio fermarsi qui, e lasciar parlare i prodotti: sfogliare il catalogo Stilnovo, allora come oggi, non smette di emozionare.

Contact

Seguici

Ti invitiamo a contattarci per qualsiasi informazione e a seguirci sui nostri canali social. Ricevi le nostre newsletter, per conoscere in tempo reale tutte le novità sulle nostre collezioni e i nostri prossimi progetti.

Contact
Contact

Stilnovo

Contact